Amore Sacro ed Amor Profano – Parco Museale Scenografico di Craco

Amore Sacro ed Amor Profano

/Amore Sacro ed Amor Profano
Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Viaggio nella canzone da Omero alla Musica Classica, oscillando tra il popolare e il colto, in compagnia del pianoforte di Pape Gurioli e Riccardo Monopoli.

L’anno 2017, pur fra molte polemiche, ha “nobilitato” il genere canzone grazie al Nobel assegnato a Bob Dylan ma la canzone è da sempre protagonista in letteratura.
Da sempre vuole arrivare a tutti sintetizzando con poche parole e note messaggi universali.
Agli albori e per secoli tutti i poeti e tutti i narratori si autodefinivano cantanti.
Il nostro viaggio prende il “volo”dal primo illustre cantore, Omero. Si sposta in Sicilia alla corte di Federico II fra coloro che Dante chiamerà i “fabbri della nostra lingua materna”: “faber” in latino era qualcosa che suonava vicino alle sfere celesti degli Dei.
Incontriamo Iacopo da Lentino , il notaro che inventa il sonetto. Pier della vigna,immortalato nella Divina Commedia e gli altri “poeti cortesi” di Federigo che cantano l’amore come elevazione spirituale: non solo il sonetto ma anche il “dolce stil novo”e la “ballata” di Cavalcanti e del Petrarca nascono da loro.
Ancora,il mistero del siciliano, poeta di corte o giullare : Cielo D’Alcamo o Ciullo Dal Camo?  Pop o erudito?
Gli esperti si dividono per interpretare la sua poesia che ondeggia tra dolcezza e divertimento, tra toni sinceri e delicati o professionalità di un giullare che vuole arrivare al popolo di un mercato?
Proprio i siciliani decidono di non accompagnare più i versi con gli strumenti perché la musica sovrasta la voce umana, non esisteva l’amplificazione (ahinoi) e da allora la canzone assume il significato che noi ancora oggi gli diamo.
Il racconto delle vicende dei personaggi e della nostra lingua si alterna ai versi, sottolineando i momenti in cui la musica vibra con il recitante oppure quando cozza , come temevano appunto i poeti siciliani.
Prosegue attraverso i secoli incontrando la canzone sacra, quella profana, la lirica… Giocando con le parole e con le note.

riccardo-monopoliRiccardo Monopoli. Da oltre venticinque anni lavora in teatro, dove ha affrontato quasi tutti i generi,da quelli sperimentali al classico, dalla tragedia alla commedia, lavorando in proprio o con grandi registi ed attori. Negli ultimi anni si è particolarmente dedicato all’uso della voce accompagnata alla musica.

pape-gurioli
Pape Gurioli. Pianista di formazione classica, nella sua lunga carriera ha messo a punto un metodo personale che lo rende unico, gli è valso l’apprezzamento di grandi musicisti e la possibilità di collaborare anche a ”costruire” canzoni di musica leggera molto famose.

Negli ultimi anni, insieme hanno creato recital poetici, partecipato a festival, ideato spettacoli come “Se fossi Fabrizio”di Duccio Parodi con Enrico Maria Papes dei Giganti.
Lo spettacolo e i seminari sono il frutto di queste esperienze.

Dal 15 al 17 Settembre, a Craco

  • Masterclass h. 11:00
  • Musica e Recitazione nei Percorsi h. 17:00
  • Spettacolo serale h. 21:00

Il costo di partecipazione alla Masterclass è di 50€ a persona, in più si può usufruire della residenza artistica, al costo di 120€ vitto e alloggio completo per i 3 giorni della Masterclass.

Il calendario eventi è organizzato per il progetto Comunale Craco Landscape for Art, Culture and Research. Festival internazionale del Paesaggio Ed. 2017

  ENGLISH

Japanese language  日本語
 

VISITA CRACO

INFO CONTATTI

C.da Sant'Angelo, 75010 Craco (MT)

Mobile: 3295697588

Web: https://cracomuseum.eu